Diritto Amministrativo

Ramo del diritto pubblico, il diritto amministrativo ha come funzione principale quella di regolare i rapporti tra l'amministrazione ei cittadini. Il divario tra l'interesse generale e gli interessi specifici, spiega l'esistenza di questo diritto specifico, che si differenzia dal diritto comune.

Qualsiasi decisione amministrativa può essere oggetto di un ricorso di annullamento per abuso di potere davanti al Tribunale Supremo, Giurisdizione competente per definire la legalità di tali decisioni.

Il ricorso per abuso di potere può essere preceduto da un ricorso amministrativo preliminare, sia direttamente all'autore dell'atto amministrativo (ricorso grazioso) sia davanti al suo superiore (ricorso gerarchico). Questo processo preliminare dovrebbe essere formalizzato entro due mesi dal litigio. In caso di rifiuto o di silenzio, dell’amministrazione per quattro mesi, il cittadino ha un nuovo termine di due mesi per rivolgersi al Tribunale Supremo.

Allo stesso tempo, il cittadino ha diritto di ricorrere alla “Alta Commissione per la tutela dei diritti, delle libertà e mediazione” creata dall’Ordine Sovrano n° 4.524 del 30 ottobre 2013. L'obiettivo di questa entità pubblica e indipendente e consiste infatti nel riconciliare i cittadini e l' amministrazione per tentare di risolvere equamente la controversia tra di loro . Attenzione: questo procedimento non interrompe il termine di ricorso .

In materia amministrativa , assistiamo i nostri clienti sia nel contesto delle misure che sono fatti per realizzare dall'amministrazione monegasca , sia nelle questioni di pre-contenziose nel quadro di rimedi amministrativi precedenti.

LA NOSTRA ESPERIENZA